Wikileaks: ecco perchè non possono fermarlo.

Condividi, fai crescere BananAffair!

Julian Assange è stato arrestato ( o meglio si è costituito) per rispondere all’accusa di un presunto assalto sessuale a danno di due donne in Svezia, cosa sulla quale non dovremmo ancora esprimerci, ma che ai più ha puzzato di montatura sin dall’inizio. Del resto di piedi ne ha pestati molti, a torto o a ragione.

E’ questa la fine di Wikileaks? La risposta è NO:

Esponenti dell’estrema destra, come Sarah Pallin, hanno chiesto a lungo un processo per spionaggio, ma il Congresso americano e la maggior parte delle persone cariche chiamate in causa sembra avere chiaro che Assange è certamente il fondatore di Wikileaks, ma non si tratta di una operazione da un uomo solo, ma di un network di migliaia di persone, motivate da una radicata cultura per il “vero” e la “condivisione.

Assange o no, Wikileaks non si fermerà.

Perchè non assaltano la sede di Wikileaks?

Perchè una sede non esiste. Wikileaks non ha uffici né un quartier generale. E’ gestito da volontari che operano soltanto in rete.

Possono oscurare il sito?

No. Joe Lieberman, del Congresso degli Stati Uniti ha già ottenuto che Amazon smettesse di ospitare il sito ma questo non significa nulla.

Wikileaks ha registrato molteplici domini in diversi paesi per creare siti specchio. Il server centrale si trova in Svezia dove è illegale per le autorità di richiedere una verifica sull’origine di una storia pubblicata.

Inoltre Wikileaks ha distribuito il proprio indirizzo IP (http://213.251.145.96) sui maggiori social network, in modo da aggirare sia l’esclusione dai motori di ricerca che la disconnessione del DNS.

Quindi ogni sito Internet è invincibile!?

Invincibile no. Ma teniamo a mente che Internet è stato creato come rete di comunicazione di sicurezza in caso di guerra nucleare. Non hanno fermato la pirateria (condivisione di file anche in questo caso), non hanno fermato le pubblicazioni di Al Qaeda, in più di 10 anni. Non fermeranno Wikileaks in poche settimane!!

E se Assange venisse assassinato?

Assange non è uno stupido. Ha distribuito 100,ooo file codificati e se qualcosa succedesse a lui, o a Wikileaks, la chiave di decodifica sarebbe resa pubblica in automatico. E ovviamente, si è preoccupato di farlo sapere a chi di dovere prima che commettessero l’errore di farlo sparire!

Commenti Da Facebook

Nessun commento.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


TheBigMtt vive a Londra. E' cresciuto nel Torinese, ma ha vissuto per un po' anche a Barcellona. Spende in rete circa 12-13 ore al giorno, ma trova anche il tempo di dedicarsi a un po' di sano sport. Parla correttamente 3 lingue, e altre due così così. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e lavora nel campo del Search Engine Marketing per una conosciuta agenzia pubblicitaria. E' un patito di statistiche e percentuali, un analitico e visionario, mosso ed ispirato dal principio dell' ESPOSIZIONE (tutto, ma proprio tutto ti insegna qualcosa. Ben vengano i viaggi, le confusioni e gli imprevisti. Ben venga tutto ciò che mi può far girare la testa e perdermi nel mondo....)

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie