Ubiquity

Condividi, fai crescere BananAffair!

Mozilla labs riporta: “Ubiquity is an experimental Firefox extension that gives you a powerful new way to interact with the Web.”

Wikipedia riporta: “L’ubiquità è la capacità di trovarsi in più luoghi nello stesso momento. La parola deriva dal latino ubique che significa “in ogni luogo”. La filosofia medioevale utilizzava questa proprietà per spiegare la capacità di Dio di essere presente contemporaneamente in ogni posto del suo creato. Secondo l‘Antico Testamento Dio possiede sia l’ubiquità che l’onnipresenza, ovvero la capacità di trovarsi in tutti i luoghi in un dato momento.”


Non so se sia la vicinanza a Dio o la possibilità di guadagnare tempo, ma questa estensione di Firefox mi emoziona e mi esalta.
Il tutorial su come funziona, la possibilità di personalizzare i comandi e gestire un account è disponibile a questo indirizzo:
https://wiki.mozilla.org/Labs/Ubiquity/Latest_Ubiquity_User_Tutorial
.
Nel bel video (in inglese) seguente viene mostrato il funzionamento:

Alla base di Ubiquity potremmo vedere due elementi leganti:

  1. La Tecnologia su cui poggia. Il concetto di funzionamento è quello dei Mash-Up: Prendo pezzi di codice li inserisco in un’altra applicazione e con entrambi nasce qualcosa di nuovo.

  2. Il Linguaggio Naturale. Forse la parte più ambiziosa di questo progetto. E’ la volonta di far comprendere il significato delle nostre parole ad un calcolatore. Fargli capire che se scriviamo “invia questa mail a Chris” il browser (Mozilla, obvusly) dovrà prendere il comando e inviare l’email a chi gli abbiamo indicato. Attualmente mi sembrano più delle Macro (come quelle di Excel) ma con la collaborazione di molti, probabilmente potranno diventare un vero e proprio dizionario dalla nostra lingua alla lingua dei calcolatori.


Non resta che provare.. Ovviamente cominciando dal Download di Ubiquity


Per capire di chi e di cosa stiamo parlando:

Un mash-up è “un’applicazione (o un servizio) che usa contenuti e/o servizi da più di una sorgente al fine di creare un servizio completamente nuovo” (Fonte: http://webreply20.worldpress.com ). I mashup consentono di convertire le informazioni intranet/internet, di utilizzare i contenuti per poter creare nuovi servizi e rendere disponibili informazioni già presenti nel sistema delle aziende in modo semplice e veloce. Permettono di integrare applicazioni esistenti e di facilitare lo sviluppo di applicazioni per comporre i contenuti.

Vi sono 3 livelli di mashup:
PRESENTATION MASHUP: Utilizzando un linguaggio XML e i fogli di stile si presentano i dati disponibili in applicazioni fruibili da differenti categorie di agenti.
LOGIC MASHUP: Creano i codici che permettono lo scambio dei dati tra le componenti (di business e web).
DATA MASHUP: Raccolgono i dati da più fonti e creano un indice unico dei dati, che gli altri mash-up potranno utilizzare.

Commenti Da Facebook

Nessun commento.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


Gjidea vive a Torino ed è colei che si occupa della grafica e del codice di BananAffair. Dopo essere stata CEO di You Too Videogames si è specializzata in Web Communication. Ha vissuto qualche tempo a Parigi (esperienza super entusiasmante) e ora ha aperto a Torino insieme a FattoreWow un'azienda che si occupa di comunicazione digitale. E' vegetariana, adora i gatti, molto combattiva e adora film e libri di fantascienza, primi fra tutti Asimov e Dick.

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie