Sempre più pazienti sulla rete

Condividi, fai crescere BananAffair!

La rete ci rende vicino anche quando siamo lontani. E questo lo si sa già.
La rete necessicharlie brownta di pazienza, perchè se una risorsa non si carica nel tempo voluto o ci si arma di pazienza o si
soccomb e con la rabbia. E questo lo si immaginava già.

Quello che forse non si pensava che potesse avvenire così “presto” è che una cinquantina di medici tra Bristol e Warwickshire (due zone di Londra) decidessero di sottoporre circa 150 pazienti ad una terapia cognitivo-comportamentale alternativa.

Praticamente su un campione iniziale di 297 pazienti, 150 sono stati sottoposti ad una nuova metodologia terapeutica nella quale si comunicava tramite sistemi di messaggistica istantanea, mentre la restante metà poteva contare sul supporto tradizionale. Le percentuali di guarigione sono risultate il doppio per il nuovo approccio rispetto a quello tradizionale.

L’annuncio è stato dato da The Lancet, prestigiosa rivista scientifica Britannica.

Secondo l’interpretazione degli autori la terapia sembra destinata al successo, forse anche grazie alla prontezza dell’intervento (pazienti che non devono pazientare troppo quindi!!!).

Ma, mi chiedo, oltre alla possibilità di poter parlare quando necessità, la mancanza di un feedback (leggi Giudizio) Cinestesico e Prossemico da parte del terapista e la maggiore “intimità” della chiacchierata non favorirebbero una maggiore autoriflessione e una maggiore accettazione di se?

Ovvero l’isolamento che alla fine viene criticato della rete ci protegge e ci fa anche guarire?


Cinestesico: E’ una delle modalita’ attraverso le quali organizziamo internamente le nostre rappresentazioni. Fa riferimento alle sensazioni fisiche e, per convenzione, anche al tatto ed all’olfatto (che sarebbero teoricamente delle modalita’ con una dignita’ propria). Fonte: http://www.acmepnl.com/dizionario-pnl/

Prossemica: E’ la disciplina che studia lo spazio e le distanze all’interno di una comunicazione, sia verbale che non verbale. Fonte: http://it.wikipedia.org

Commenti Da Facebook

Nessun commento.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


Gjidea vive a Torino ed è colei che si occupa della grafica e del codice di BananAffair. Dopo essere stata CEO di You Too Videogames si è specializzata in Web Communication. Ha vissuto qualche tempo a Parigi (esperienza super entusiasmante) e ora ha aperto a Torino insieme a FattoreWow un'azienda che si occupa di comunicazione digitale. E' vegetariana, adora i gatti, molto combattiva e adora film e libri di fantascienza, primi fra tutti Asimov e Dick.

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie