Blekko. Il nuovo Motore di Ricerca recensito

Condividi, fai crescere BananAffair!

Chi ha sentito parlare di Blekko?

Un progetto per lo meno ambizioso, quello del nuovo Motore di Ricerca, che aspira a dare risultati persino migliori di quelli di Google. I punti forti sembrano essere nuove ed interessanti funzioni che risultano davvero utili. Come vedremo in seguito, Blekko diventa anche un ottimo strumento per l’analisi SEO.
Ma passiamo ora alla video review in italiano.

Il primo, primissimo aspetto che notiamo è questa novità dello slash tag.

Inserendo il simbolo “/” seguito da un tag, possiamo limitare il campo da cui i risultati saranno proposti.

Ad esempio, se mi interessa sapere di Barack Obama, ma da un punto di vista Repubblicano, o dal punto di vista del Gossip, o da siti che parlano di sport, nulla di più facile con la funzione slashtag!

Esistono già un centinaio di slash tag creati dagli stessi sviluppatori di Blekko, ma la cosa davvero interessante è che ognuno ha la possibilità di creare i propri slash tag e condividerli (o tenerli privati, se lo desidera).

Una seconda ma molto interessante caratteristica è che Blekko, non finge che non esistano i SEO, né li “odia” (scusate ma così mi sembra, la prendo sul personale) come fa invece Big G.

Cliccando sul link SEO sotto ogni risultato di ricerca, si accede ad un mare di statistiche, che seppure solo mediamente accurate sono davvero utili.
Raccoglie infatti molte delle informazioni accessibili dal Google Webmaster Tool, ma con la differenza, che grazie a Blekko, possiamo vedere anche quelle dei nostri concorrenti!

Numero di link, crawl rates, siti simili, posizioni ottenute, anchor text più usati, un sacco di bella roba altrimenti inaccessibile.

Blekko non dispone ancora di un sistema AdWords, o di link sponsorizzati in genere. Spazio ce n’è, non dubito che arriveranno in seguito.

Se avete trovato qualche nuova funzione, condivitetela con il resto della community di BananAffair!

Happy Searching!

Commenti Da Facebook

C'è 1 commento pubblicato direttamente su BananAffair

  1. Morto Osama Bin Laden: Google, Twitter e gli altri | BananAffair.it - 4 maggio 2011

    [...] veloce, per capire la differenza, non è stato il non-più-così-promettente Blekko, che si è perso la notizia e continuava a dare i soliti risultati (Wikipedia ecc…) anche ore [...]

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


TheBigMtt vive a Londra. E' cresciuto nel Torinese, ma ha vissuto per un po' anche a Barcellona. Spende in rete circa 12-13 ore al giorno, ma trova anche il tempo di dedicarsi a un po' di sano sport. Parla correttamente 3 lingue, e altre due così così. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e lavora nel campo del Search Engine Marketing per una conosciuta agenzia pubblicitaria. E' un patito di statistiche e percentuali, un analitico e visionario, mosso ed ispirato dal principio dell' ESPOSIZIONE (tutto, ma proprio tutto ti insegna qualcosa. Ben vengano i viaggi, le confusioni e gli imprevisti. Ben venga tutto ciò che mi può far girare la testa e perdermi nel mondo....)

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie