Forze di Polizia e Social Media

Condividi, fai crescere BananAffair!

Twitter per la polizia di Londra.

Twitter per la polizia Britannica.

Si rimangi subito tutto chi ha detto che le istituzioni si muovono lentamente riguardo le novità della rete. Una volta tanto ecco una bella presa di coscienza sulle potenzialità del Social Media!

Da qualche settimana circa 20 agenti della polizia inglese si sono rivolti a Twitter con l’intento di usare il servizio di micro-blogging con propositi istituzionali.

L’agente Ed Rogerson ha iniziato a usare Twitter nel mese di ottobre, nel tentativo di raggiungere un numero maggiore di persone che vivono lungo le strade che di solito pattuglia in Starbeck, nel Regno Unito.

Twitter è la novità del momento e sono felice di usarla se questo serve a raggiungere più persone. Ci permette di lavorare a contatto con la comunità locale ed i suoi problemi”.

Alcuni dei suoi messaggi, o tweets, contengono consigli per i residenti. A volte annuncia un arresto, altre volte comunica semplicemente che è di pattuglia.

Se la gente non ci vede, penserà che non ci siamo, vogliamo combattere il senso di insicurezza e far sentire la nostra presenza”, ha detto.

La polizia del North Yorkshire è tra le poche che usi efficacemente i mezzi di comunicazione sociale.

La pubblicazione di un messaggio di avvertimento su Twitter riguardo un’ondata di furti con scasso in una zona è un concetto simile a un poster sulla bacheca locale del consiglio comunale.
Entrambi sono efficaci ma con la presenza su Internet siamo in grado di diffondere ulteriormente l’allarme.

Twitter PoliceAl momento non vi è alcun piano nazionale per rendere abituale l’uso dei social media da parte delle forze di polizia, ma il suo uso da parte di alcuni agenti, in accordo con i loro ufficiali, ha fatto nascere l’idea di un sito web dedicato.

Le forze di polizia stanno scoprendo inoltre che i social media possono essere un utile strumento di indagine. Per loro natura i Social Media veicolano informazioni “dal basso verso l’alto”, in questo caso dalla strada alla scrivania degli agenti che stanno indagando sul crimine.

Al di là di aiutare la polizia nel raggiungere le comunità, mezzi di comunicazione sociale, ha quindi anche un beneficio operativo: Facebook si è già rivelato fondamentale nel trovare una persona scomparsa ed in caso di omicidio, senza contare del caso di un ragazzo americano scagionato dalla accusa di furto proprio grazie al celebre Social Network.

Oltre a questo, si intravede anche un utilizzo ispirato al marketing tradizionale, come una grande (e più economica) raccolta di esperienze dei cittadini con la polizia locale, al fine di migliorare e rafforzare i servizi alla comunità.

Al momento il sito è al vaglio di esperti di usabilità che lo rendereanno facilmente utilizzabile anche da persone che non hanno formazione o esperienza informatica.

Twitter Police2Anche prima del progetto “MyPolice” alcune forze di polizia si erano dimostrate all’avanguardia per l’uso diffuso dei mezzi di comunicazione sociale. La polizia del West Midlands ad esempio ha da tempo riprogettato il proprio sito web integrandolo con i mezzi di comunicazione sociale, come pagine di Facebook per le aree locali, e blogs di alcuni funzionari.

Vogliamo parlare con la gente e permettere alle persone di influenzare il nostro modo di lavorare”, ha detto l’ispettore Mark Payne, un portavoce della polizia del West Midlands.

Non si tratta di abbandonare i metodi tradizionali. Siamo in grado di capire se stiamo facendo le cose come si deve?E’ strano ma bello che, per una volta, le istituzioni arrivino prima di aziende private su concetti tanto innovativi quanto basilari:

Sempre più persone utilizzano i social media per comunicare e, se è lì che la gente si parla, è lì che dobbiamo andare.”

Parole sante!!

Commenti Da Facebook

C'è 1 commento pubblicato direttamente su BananAffair

  1. Furio - 25 novembre 2009

    “Sempre più persone utilizzano i social media per comunicare e, se è lì che la gente si parla, è lì che dobbiamo andare.”

    Si proprio parole “Sante”, tant’è che anche la Chiesa sta utilizzando questo approccio per comunicare in modo sempre più esteso e vicino alle persone. Ho sentito di una Suora che si è attivata in questo senso.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


Nato ad Helicon, regione di Arturo il 11988 E.G. / -79 E.F. Ha studiato presso l'Università di Streeling

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie