Great (Fire)Wall of China

Condividi, fai crescere BananAffair!

La Grande Muraglia Cinese del nuovo millennio si trova su Internet.

Non è un mistero che gli internauti dei paesi sotto dittatura si ritrovino un internet per cosi dire “smussato”, ma quando parliamo del paese più popoloso del mondo, la cosa può iniziare a preoccupare.

Da qualche giorno  Google parla addirittura di voler abbandonare il paese, stanco dei tentativi di hacking del suo sistema di posta elettronica e delle pressioni del governo cinese per i dati sulle ricerche “scomode”.

La Cina oscura siti e blog di diversa natura ai suoi 338milioni di navigatori, 3 volte il numero di quelli Europei, 100milioni in più di quelli americani.

Contato in modo approssimativo, un sesto della popolazione mondiale navigante non ha accesso a informazioni e contenuti che qualcuno ritiene “pericolosi”.

Vediamo una lista di alcuni siti censurati in Cina:
(sostenitori del libero pensiero siete avvertiti, c’è da rimanerci male!)

Motori di ricerca:

googlegoogle.com
baidu.com
msn.com
yahoo.com

(ma anche i rispettivi .de .it .es .se .fr .ru .co.uk ed altri)

Stampa Internazionale:

NY Times Logo_250cnn.com
bbc.com
repubblica.it
nytimes.com

Enciclopedie:

wikipedia.com
(ma anche .de .it .es .org……)

Social Networks:

twitter.combebo.comblogger.com
myspace.com
digg.comhotmail.com
facebook.com

Altri:

youtube_logo_01 disney.com
amnesty.com
radio-canada.ca
youtube.com
apple.com
whitehouse.gov

nintendo nintendo.com
amnestyinternational.org
greenpeace.org


skype microsoft.com
youporn.com
skype.com
amazon.com


Esisteva, fino a poco tempo fa, un sito chiamato Greatfirewallofchina che sfruttava alcuni server localizzati in Cina per ospitare un piccolo programma che generasse richieste di una lista di siti e ne verificasse così l’accessibilità. Sono ovviamente stati costretti a chiudere, verificate voi stessi.

Il problema della censura di Internet è comune a molte dittature. La Corea del Nord ne sa qualcosa ed anche gli amici Iraniani che si sono recentemente sentiti dire che Facebook e Twitter sono pericolosi per la sicurezza nazionale, in quanto usati per organizzare proteste contro il “legittimo” governo.

Il problema è chiaro: Internet non è soltanto la libertà di ognuno di parlare al mondo intero. Rappresenta anche la libertà di poter liberamente sapere cosa il mondo pensa e di trovarsi d’accordo oppure no. Informazioni in uscita, in entrata, ma soprattutto idee in fermento.

La censura dei mezzi di informazione e dei social network è un chiaro segno della volontà di isolamento della popolazione. Se l’unico modo che ho di sapere cosa succede in Tibet o in America è attraverso i canali ufficiali del governo, come potrei mai farmi venire il dubbio che esista un’altra faccia della verità?

Nella Russia degli anni 50 i giornali sostenevano che la guerra in Corea fosse stata iniziata dai Sud Coreani. Se quella è l’unica voce che sento, come si fa a dire di no?

Non soltanto puniscono l’alternativa di pensiero. La rendono impossibile.

L’esclusione di siti come disneyappleyouporn costituiscono invece un vero e proprio scudo nei confronti della cultura occidentale. Che riesce a permeare comunque, ma solo per esperienza indiretta e mai per contatto vero e proprio.

Forse tutto questo crollerà col tempo, grazie a nuove tecnologie non “bloccabili” o per il naturale mischiarsi delle culture. O magari per le solite,  semplici ma meno romantiche, logiche di profitto.

Al futuro o al passato, a un tempo in cui il pensiero è libero… a un tempo in cui esiste la verità e quel che è fatto non può essere disfatto. (George Orwell)

Commenti Da Facebook

Nessun commento.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


TheBigMtt vive a Londra. E' cresciuto nel Torinese, ma ha vissuto per un po' anche a Barcellona. Spende in rete circa 12-13 ore al giorno, ma trova anche il tempo di dedicarsi a un po' di sano sport. Parla correttamente 3 lingue, e altre due così così. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e lavora nel campo del Search Engine Marketing per una conosciuta agenzia pubblicitaria. E' un patito di statistiche e percentuali, un analitico e visionario, mosso ed ispirato dal principio dell' ESPOSIZIONE (tutto, ma proprio tutto ti insegna qualcosa. Ben vengano i viaggi, le confusioni e gli imprevisti. Ben venga tutto ciò che mi può far girare la testa e perdermi nel mondo....)

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie