Google Panda / Farmer update. Che cos’è – cosa fare:

Condividi, fai crescere BananAffair!

Google ha reso attivo un nuovo update al proprio algoritmo, qualcosa di grosso che avrà effetto su migliaia di siti, specie se ottimizzati tramite acquisizione mirata di link (link building).

Che cos’è il Panda / Farmer Update

Ufficialmente noto con il nome di Farmer Update (Panda è il nome interno usato in Google) è stato attivato negli USA il 23 di Febbraio ed il 1 Marzo è stato ritoccato. Il nome di “Farmer”  rende esplicito che il target principale siano i content farm, quei siti che altro scopo non hanno che generare decine migliaia di pagine dal contenuto generico nella speranza di raccogliere pochi centesimi per pagina.

Questo aggiornamento si propone di colpire duramente siti che:

- Hanno troppa pubblicità: rispondi alla domanda “sembra un sito autorevole? se fosse un giornale, avrebbe senso comprarlo o sarebbe solo pubblicità?”

- Non appaiono affidabili: rispondi alla domanda “darei i miei dati della carta di credito a questo sito? Acquisterei medicinali qui consigliati?”

- Hanno contenuti scarsi: “il contenuto è originale, critico, utile o è un insieme di ovvietà messe insieme da un computer per riempire pagine con contenuto generico?”

Google ha sviluppato algoritmi che sanno simulare il processo di valutazione umano di questi fattori, e valutano la qualità del sito in base alla risposta.

Non solo sono colpite le content farms, ma anche tutti i siti che ne hanno acquisito/acquistato link in entrata. Se per esempio avete comprato qualche centinaio di link da una compagnia indiana su siti che, siete sicuri, sono creati col solo scopo di vendere link… Be’ la brutta notizia è che avete buttato i vostri soldi. Ma questo, sono sicuro lo abbiate già notato da un pezzo :-)

…”ma lo fanno tutti” non è più una scusa, Google diventa ogni giorno migliore nel riconoscere i “low quality links” e ha dato prova di pesantissime penalizzazioni ultimamente, anche a siti-colosso come JC Penny!

Capire se il tuo sito ne è stato condizionato

Per capire se il vostro sito ne è stato condizionato, RandFish di SEOMoz consiglia di controllare il numero di Keywords che hanno portato visite al vostro sito nell’ultima settimana e confrontarlo con la settimana precedente:

farmer-1

farmer-3

Come vedete sono state escluse alcune keyword per escludere il traffico “brandizzato”.

Se avete perso un gran numero di keywords in entrata da una settimana all’altra e sapete di essere in qualche modo collegati a siti dubbio valore (o esserlo voi stessi!) allora potreste essere incorsi in una devalutazione di alcuni fattori e per questo aver perso posizioni.

Per chiarezza, ripeto che non si tratta di una penalizzazione ma di una devalutazione. Entra in gioco un fattore algoritmico e non umano.

Chi ci ha rimesso finora?

Ecco qualche sito colpito dall’update. Dati dall’ottimo articolo di Search Metrics. Nomi e numeri fanno pensare:

Domain OPI_today OPI_last Difference %
blippr.com 11,024 529,970 -518,946 -97.9%
suite101.com 19,874 263,529 -243,655 -92.5%
tradekey.com 2,970 38,237 -35,267 -92.2%
associatedcontent.com 23,687 281,343 -257,656 -91.6%
articlesbase.com 13,492 157,958 -144,466 -91.5%
helium.com 7,170 83,184 -76,014 -91.4%
faqs.org 15,971 140,951 -124,980 -88.7%
freedownloadscenter.com 23,216 192,128 -168,912 -87.9%
mahalo.com 56,305 442,563 -386,258 -87.3%
allbusiness.com 2,694 19,995 -17,301 -86.5%
ezinearticles.com 35,691 259,516 -223,825 -86.2%
essortment.com 13,507 93,993 -80,486 -85.6%
americantowns.com 6,109 38,783 -32,674 -84.2%
findarticles.com 11,648 70,404 -58,756 -83.5%
howtodothings.com 10,605 62,372 -51,767 -83.0%
lovetoknow.com 30,289 157,037 -126,748 -80.7%
hubpages.com 122,796 618,406 -495,610 -80.1%
wisegeek.com 113,436 489,014 -375,578 -76.8%
buzzle.com 78,206 335,304 -257,098 -76.7%
doityourself.com 8,069 33,231 -25,162 -75.7%
merchantcircle.com 20,195 83,133 -62,938 -75.7%
business.com 10,961 42,877 -31,916 -74.4%
thefind.com 13,107 46,769 -33,662 -72.0%
trails.com 9,607 32,385 -22,778 -70.3%

Chi ci guadagna invece?

Siti che hanno fatto della qualità e dell’engagement il loro cavallo di battaglia:

Domain OPI_today OPI_last Difference %
wikihow.com 455,031 254,087 200,944 79.1%
answers.yahoo.com 524,056 406,523 117,533 28.9%
ehow.com 944,950 831,961 112,989 13.6%
howstuffworks.com 666,073 574,523 91,550 15.9%
huffingtonpost.com 1,262,562 1,173,229 89,333 7.6%
facebook.com 3,157,406 3,094,804 62,602 2.0%
instructables.com 80,142 68,685 11,457 16.7%

Cosa fare?

Il Panda Update è per ora attivo solo negli USA, ma sarà esteso ad altri paesi non appena perfezionato.

Abbiate cura del contenuto. Dovreste farlo di norma… ma questa volta intendo SERIAMENTE. Niente post copiati, niente fiumi di parole che in realtà non dicono niente,  piazzate il contenuto utile in alto nella pagina, in modo da ridurre il tasso si uscita dei visitatori, aumentare il numero di azioni ed il tempo speso sulla pagina (questi potrebbero essere i principali fattori a qui Google guarda per determinare se gli utenti apprezzano il tuo sito!)

Se non sei sicuro, e non sai a chi chiedere, puoi usare servizi come Feedback Army per chiedere consigli su usabilità e design del tuo sito a perfetti sconosciuti.

Assicurati di avere installate applicazioni 2.0, commenti attivati, spazio per i Social. Ogni attività compiuta mostra un certo livello di Engagement!

MAI dare la precedenza alla pubblicità. Il sito deve essere utile, POI pensare a generare profitti!

Se pensi di essere stato ingiustamente penalizzato, puoi postare un commento sul Google Webmaster Forum.

Commenti Da Facebook

Ci sono 4 commenti pubblicati direttamente su BananAffair

  1. Nikopolidis - 14 marzo 2011

    Avevo già sentito qualcosa la settimana scorsa, il punto della discussione si era spostato sul fatto che Google non aiuti i WebMasters, ovvero si crea una sorta di circolo vizioso attraverso il quale: contenuti di qualità = investimenti = soldi = advertising (che Google disdegna a quanto pare… secondo me si giungerà al punto tale che verranno penalizzati i siti che hanno altri sistemi pubblicitari oltre ad Adsense). Comunque, sempre nei vari discorsi, si era giunti ad una conclusione: le frasi di Google sono da prendere con le pinze, secondo me gestiranno gli eccessi, non la normalità, ovvero hai presente quei siti pieni zeppi di pubblicità che “disturbano” l’usabilità? Ecco, penso che quelli siano coloro che verranno penalizzati, non chi possiede tanti ADV (vedi TechCrunch), ma ben armonizzati col contesto. Inoltre, come è giusto che sia, la penalizzazione sui contenuti originali dovrebbe mirare esclusivamente gli aggregatori di contenuti, non i siti concorrenti, i cui contenuti possono essere simili. Ho fatto il testo, non ho rilevato nulla, solo un aumento delle stats rispetto alla settimana precedente, attenderò che entri in vigore in Italia ufficialmente. :)

  2. TheBigMtt - 14 marzo 2011

    Penso tu abbia ragione, sara’ tutto ricondotto all’usabilita’ e leggibilita’ del sito.

    Ma ovviamente gli algoritmi non si fideranno del proprio giudizio, penso che una gran parte della decisione sara’ basata sui dati di interazione degli utenti. Per questo secondo me bounce rate, page/visits e time on site sono i fattori a cui guarderanno di piu.

    La domanda ora e, quando accurato sara’? Guarda per esempio BananaAffair, sono pochi i commenti sul sito ma genera spesso lunghe discussioni su Facebook ed il numero di visite ci conferma che molti lo trovano un buon sito. Sono curioso di vedere l’impatto che avra nello UK dove conosco un po meglio i siti.

    Riguardo il tuo test, hai limitato a Google.com (dove l’update e’ operativo) o hai guardato su tutti? Inoltre consiglio a chi fara’ la stessa verifica di escludere gli altri motori dalla statistica, giusto per essere piu accurati!

  3. Waco homebuyers - 6 gennaio 2014

    After house hunting for several weeks, my husband and I would like to make an offer of your home at 52310
    Fluffy Lamb Lane. Long time homeowners in Florida enjoy what is known as
    a “Save Our Homes” exemption that could be freezing the assessed home value far below what you are offering for
    the home. Beyond the monthly payments, homebuyers should take into account other
    fees, such as local property taxes, closing costs, among many others.

  4. teutra - 5 novembre 2014

    Ho trovato le informazioni pubblicate sono molto interessanti.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


TheBigMtt vive a Londra. E' cresciuto nel Torinese, ma ha vissuto per un po' anche a Barcellona. Spende in rete circa 12-13 ore al giorno, ma trova anche il tempo di dedicarsi a un po' di sano sport. Parla correttamente 3 lingue, e altre due così così. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e lavora nel campo del Search Engine Marketing per una conosciuta agenzia pubblicitaria. E' un patito di statistiche e percentuali, un analitico e visionario, mosso ed ispirato dal principio dell' ESPOSIZIONE (tutto, ma proprio tutto ti insegna qualcosa. Ben vengano i viaggi, le confusioni e gli imprevisti. Ben venga tutto ciò che mi può far girare la testa e perdermi nel mondo....)

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie