Google Instant. Effetti su SEO e PPC

Condividi, fai crescere BananAffair!

Che cos’è?

Google Instant è il più recente aggiornamento nel modo in cui Google mostra le sue pagine di risultati, anche note come SERP.
Google restituisce ora i risultati istantaneamente, anche se l’utente non ha finito di digitare completamente la query. Anche se non si tratta di una modifica all’algoritmo, vi sono ragioni di pensare che possa questo aggiornamento cambi molto lo scenario sia per gli utenti che per gli inserzionisti.

La prima differenza è che gli utenti saranno esposti ad un più alto numero di risultati, soprattutto se di digitano lentamente.

Come cambia il modo di fare pubblicità su Google?


Come Google Instant cambia il Search Behaviour

Una cosa davvero interessante di Google Instant è che le query più brevi acquisteranno sempre più importanza.

Prima di Google Instant la query la lunghezza media di una query era di 3 parole di lunghezza. In realtà, storicamente, la lunghezza media di una query di ricerca è aumentata nel corso degli anni, perché gli utenti di Google sono diventati “più bravi” a cercare. Hanno imparato che più specifica è la query di ricerca, più rilevanti sono i risultati.

Tuttavia, ora con Google Instant è probabile che risultati pertinenti alla ricerche possano essere visualizzati prima che l’utente abbia finito di scrivere, esponendoli a molte più possibilità di click prima di aver effettivamente ottenuto il risultato finale.

Come Google Instant cambia il PPC

Google Instant abbasserà il mio Quality Score? Cambierà il mio CPC?

Il fatto che i risultati pertinenti siano visualizzati prima che una query sia finita significa che più le keyword più brevi frasi avranno molte più possibilità di click, diventando più competitive, e necessariamente più costose.

Ci possiamo aspettare che Google Instant renda necessario rinunciare ad alcune “long tail keywords” ed adottare invece delle keyword più generiche.

Il Quality Score dovrebbe rimanere invariato, dato che le impressioni saranno calcolate solo dopo che l’utente avrà passato 3 secondi sulla stessa SERP.

Un’altro aspetto da non sottovalutare sono le keyword negative. Mettiamo ad esempio che una casa farmaceutica non voglia apparire per il termine “medicinaX effetti collaterali” e abbia incluso il termine fra le negative keywords. Google riconoscerà il termine come negativo solo al completamento della query, dando quindi visibilità all’azienda per fino a “medicinaX effetti collateral….” Da tenere in mente per campagne di reputation management. Nessuno vuole pagare per darsi la zappa sui piedi!

Come Google Instant cambia il SEO

E’ davvero la morte del SEO?

Dal punto di vista del SEO la prima considerazione è che la visibilità per i siti con posizioni in  pagina 2 o 3 potrebbe ridursi in modo significativo: è ora più facile modificare la query, piuttosto che navigare attraverso le pagine dei risultati.

Per quanto riguarda pagina #1, è possibile che i 3-4 migliori risultati possano beneficiare di Google Instant, mentre i siti sotto il primo fold soffriranno probabilmente una forte diminuzione in visibilità e quindi in traffico.

Agenzie e clienti dovrebbero cominciare a pensare di ottimizzazione per i termini proposti nel menu di suggerimento. Anche se molti di questi termini potrebbero non avere volumi di ricerca significativi per il momento, il numero di ricerche è destinato a crescere nei prossimi pochi mesi, grazie alla funzionalità di Instant: per esempio, è più facile che un utente digiti Home Cinema e appena si muovano con le frecce in Home Cinema Wireless – Sistema Home Cinema – eccetera …. invece di completare la frase, magari con una parola chiave leggermente diversa.

Conclusioni

Per quanto riguarda il PPC, stiamo attualmente monitorando alcune nostre campagne, al fine di capire se questa nuova funzionalità influirà sul Cost Per Click o meno.

Con il rilascio di questa nuova funzione, molti blogger soprattutto inglesi hanno gridato alla morte del SEO.
Questo renderà lo scenario organico sicuramente più competitivo, ma come sempre sarà solo una questione di cambiare il nostro modo di ottimizzare.

Per quanto riguarda il successo di Google Instant, possiamo contare sul primo sondaggio on-line, i cui risultati sono disponibili su Mashable.com.

Dei 5.135 che hanno votato su questo argomento, il 53,2% ha dichiarato che gradisce la nuova funzionalità in tempo reale. Il 30% ha preferito disattivarlo, mentre circa il 16,7% si è detto incerto su questa nuova serie di funzioni.

Di chi ha dichiarato “Sì, mi piace” il 45% ha detto che ritiene la nuova funzionalità sono state semplicem e divertente da usare e da guardare.

Di chi ha detto “No, non mi piace” la maggioranza (67,2%) ha dichiarato che il proprio malcontento deriva da un senso di sovraccarico di informazioni.

http://www.wpp.com/wpp/marketing/digital/google-instant.htm

Commenti Da Facebook

Ci sono 2 commenti pubblicati direttamente su BananAffair

  1. Tweets that mention Google Instant. Effetti su SEO e PPC « BananAffair.it -- Topsy.com - 19 ottobre 2010

    [...] This post was mentioned on Twitter by gjidea and gjidea, BananAffair. BananAffair said: Google Instant. Effetti su SEO e PPC – @BananAffair http://t.co/3gi3Z4v [...]

  2. Nuove tecnologie vincenti del 2011 « BananAffair.it - 10 gennaio 2011

    [...] di Geo Localizzati (Foursquare, Gowalla, Facebook Places, ecc), Realtime Search (non solo, anche Google Instant e Google Preview) and Android (più grande di [...]

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


TheBigMtt vive a Londra. E' cresciuto nel Torinese, ma ha vissuto per un po' anche a Barcellona. Spende in rete circa 12-13 ore al giorno, ma trova anche il tempo di dedicarsi a un po' di sano sport. Parla correttamente 3 lingue, e altre due così così. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e lavora nel campo del Search Engine Marketing per una conosciuta agenzia pubblicitaria. E' un patito di statistiche e percentuali, un analitico e visionario, mosso ed ispirato dal principio dell' ESPOSIZIONE (tutto, ma proprio tutto ti insegna qualcosa. Ben vengano i viaggi, le confusioni e gli imprevisti. Ben venga tutto ciò che mi può far girare la testa e perdermi nel mondo....)

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie