Google compra BeatThatQuote.com e lo penalizza nel giro di 24 ore

Condividi, fai crescere BananAffair!

Google ha acquisito e poi penalizzato il sito BeatThatQuote.com nel giro di 24 ore.

La penalizzazione, sembra essere dovuta all’uso di doorways ed acquisto di link di dubbia origine: la prova è presto trovata nel fatto che il sito non ha posizioni nemmeno più per il proprio nome.

C’è chi si chiede, ma possibile che non abbiano controllato prima di comprarlo!?

Bè non stupitevi se una spiegazione c’è ed è anche intelligente.

Gli esperti del settore sanno bene che il mercato dei così detti comparison site (ancora poco conosciuti in Italia ma veri e propri colossi sforna soldi negli USA e UK) è uno dei più competitivi per quanto riguardo il SEO e il PPC. Questi siti ricorrono spesso a metodi poco corretti conosciuti come spam o SEO

Non comparire nei primi risultati quando si cerca il nome del sito è decisamente un brutto segno!

Non comparire nei primi risultati quando si cerca il nome del sito è decisamente un brutto segno!

black hat.

Essendo Google interessato a mettere le mani su uno di questi siti, come avrebbe potuto penalizzare gli altri concorrenti, senza sembrare sleale, favorendo il suo nuovo acquisto? Facile, penalizzandolo per primo. Adesso, ogni azione anti-spam nei confronti degli altri sarà vista come la solita azione disciplinare, non certo come concorrenza sleale.

Non solo. Il fatto di essere acquisito da Google, ed il fatto di essere stato penalizzato nello stesso giorno, sta creando quello che in gergo si chiama buzz e cioè un bel po’ di “vociare”. Migliaia di blog e persone che scrivono dell’acquisizione e della penalizzazione, generando altrettanti migliaia di link in entrata per BeatThatQuote.

Quando fra uno o due mesi il sito si sarà “ripulito” e la penalizzazione sarà rimossa, la sua autorità sarà cresciuta moltissimo, grazie alla popolarità acquisita con questi link in entrata.

Insomma, il primo paio di mesi saranno magri magri, ma è quasi garantito un ritorno del sito in grande stile.

I concorrenti, lo consiglio caldamente, cerchino di spolverare tutti gli angoli più bui dei loro siti, azioni anti-spam sono in arrivo e soprattutto, il prima poco temibile BeatThatQuote.com ha ora alle spalle investitori benestanti e decisamente furbetti!

Se volete saperne di più su come le penalizzazioni sono rimosse e a quali condizioni, questo video di Matt Cutts vi darà un buono spunto di riflessione!

Commenti Da Facebook

C'è 1 commento pubblicato direttamente su BananAffair

  1. creditcard - 30 gennaio 2014

    I think this is among the most important info for me.
    And i am glad reading your article. But wanna remark on
    few general things, The web site style is ideal, the articles is
    really excellent : D. Good job, cheers

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


TheBigMtt vive a Londra. E' cresciuto nel Torinese, ma ha vissuto per un po' anche a Barcellona. Spende in rete circa 12-13 ore al giorno, ma trova anche il tempo di dedicarsi a un po' di sano sport. Parla correttamente 3 lingue, e altre due così così. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e lavora nel campo del Search Engine Marketing per una conosciuta agenzia pubblicitaria. E' un patito di statistiche e percentuali, un analitico e visionario, mosso ed ispirato dal principio dell' ESPOSIZIONE (tutto, ma proprio tutto ti insegna qualcosa. Ben vengano i viaggi, le confusioni e gli imprevisti. Ben venga tutto ciò che mi può far girare la testa e perdermi nel mondo....)

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie