Google: “Dont’ be Evil? ” o “Quod me nutruit, me destruit”

Condividi, fai crescere BananAffair!

dont_be_evil…Dont’ be Evil…

Questo è il motto di Google.

Ed in parte è la nostra fregatura. Perchè la BONTA’ delle sue azioni ce lo rendono simpatico..

Beh del resto…

prendete il motore di ricerca più potente al mondo e… usatelo gratis. Trovate immagini, articoli, blog, sempre rilevanti e in pochi centesimi di secondo…

poi

passate a Google Maps con il suo Street View, facendo un giro per Google Documents, poi ovviamente una visitatina a You Tube, e il Google Reader per non scaricare tutti gli allegati,

ah aspettate,

Google Wave per chattare, disegnare, condividere, tradurre, ah è vero il traduttore di Google. E se sono un Webmaster come posso dimenticare AdWordsAd Sense, ed Analytics, se poi ho fame di statistiche potrò sempre giocare  con Google Zeitgeist e Google Insight

e,

Google Chrome Os solo perché è appena nato non lo posso mica lasciare fuori…no no, non lo lascio fuori anche perchè uso già Google Chrome, il Browser, e poi mi stavo dimeticando la piattaforma Blogger

E i dati scorrono, scorrono a fiumi: parole, ricerche, preferenze, foto, ma come faccio non posso più rinunciare… Avete un’alternativa??

Non è che…… Quod me nutruit, me destruit ?


PS: a breve un bel post su quello che è il futuro delle ricerche: tutti i segreti dei laboratori di Big G. in via di sviluppo per i prossimi anni!

Commenti Da Facebook

Ci sono 6 commenti pubblicati direttamente su BananAffair

  1. Gian Piero Biancoli - 16 dicembre 2009

    Beh, Blogger e YouTube esistevano prima che Google le comprasse, per cui non ci ha regalato niente di nuovo.
    Per ogni applicazione menzionata (tranne Maps) ne esiste una gratuita equivalente o forse migliore, bisogna avere la pazienza di cercare e di leggere.
    Tra i motori di ricerca, Bing, che implementa search semantici e che è in partnership con Wolfram Alpha, è nettamente più preciso (per ora solo negli States).
    Non ho visto menzionato Gmail, che fu la vera rivoluzione ed è il cavallo trainante: chi ha l’account Gmail, poi apre un blog su blogger, usa Google Docs, ecc…
    Salutoni

  2. FattoreWoW - 16 dicembre 2009

    @Gian Piero Biancoli
    Anche Adsense non era Google.
    Mi pare addirittura Maps, ma non ci metterei la mano sul fuoco.
    Il punto è che Google ha preso tutti questi progetti e servizi, li ha resi comunicanti e ci ha investito. Anzi continua a farlo.
    E i risultati, guardando anche solo quel sistema ambizioso che è Google Wave, ci sono.

    Sono d’accordo con te, il collante è stato Gmail, il quale tra l’altro è davvero un ottimo prodotto.

    Certo tutto questo in realtà ha un prezzo, i nostri dati. In quel senso credo che Gjidea abbia detto “Quod me nutrit, me destruit”.

    PS (Complimenti per il tuo sito, interessante!)

  3. Gian Piero Biancoli - 16 dicembre 2009

    Concordo FattoreWoW,
    penso che l’unico a non essere stato migliorato significativamente è stato blogger ( io ne sono scappato :-)). Confronto a WordPress, ad esempio, è rimasto molto indietro e la mia impressione è che non ci stiano investendo granchè.
    Probabilmente è vero che con l’avvento dei social network, il blogging sia passato di moda.

    E poi, mi sovviene solo adesso, vogliamo scordarci i googlefonini e android?

  4. FattoreWoW - 17 dicembre 2009

    @Gian Piero Biancoli
    E perchè non citar Google Chrome Os? Guarda quale post indietro, abbiamo doppiato la demo.

    Tra l’altro la grande capacità di Google è quella di creare delle interfacce molto intuitive, di rendere tutto semplice e a portata.
    A proposito guarda questa immagine che mi ha sempre fatto pensare (e ridere) http://www.talkingtext.com/wordpress_en/wp-content/uploads/2008/04/googleproduct.jpg .

    Poi come dici tu sicuramente ci sono molti servizi, magari anche migliori. Anzi sarebbe bello un post che presentasse e mettesse a confronto le applicazioni del BigG con le altre.

  5. Gian Piero Biancoli - 17 dicembre 2009

    Chrome OS era citato.

    E’ proprio per quella demo doppiata in italiano che ho scoperto Bananaffair el’ho aggiunto ai feed! :-)
    L’immagine è perfettamente eloquente e al proposito mi sovviene il filmato di Microsoft che ridisegna il package dell’ipod
    http://www.gianpierobiancoli.it/microsoft-ridisegna-il-package-dellipod.html
    A tal proposito segnalo anche l’utlimo “spot” di casa Google su Chrome, davvero notevole: http://www.youtube.com/watch?v=SC-2VGBHFQI

    Ciao

  6. TheBigMtt - 17 dicembre 2009

    Vi dico la mia a riguardo…

    piu che per “il cosa fa” nutro ammirazione nei confronti del Big G per i suoi “come”.
    E’ lo spirito che c’è dietro. Perchè è vero che è un azienda e ha comunque logiche di profitto, ma ricercano molto di più di qualunque altra azienda tecnologica che io conosca.
    Ai piani alti sono ancora dei sognatori e questo muove li verso traguardi inaspettati.

    Lo dico perchè le novità di Apple sono magari 10 giga in più sull’Ipod, quelle di Microsoft qualche modifica grafica ai suoi applicativi… mentre Google mi esce con la mappatura completa della Terra, della Luna e dei fondali oceanici. Street View è ormai di uso quotidiano ma pensate alla grandezza del progetto, è semplicemente pazzesco!

    E’ vero che MSN-Bing e Yahoo stanno lavorando meglio da un anno a questa parte ma a livello di algoritmo puro e tempi di indicizzazione, ancora sono lontani.

    Io sono già in fermento per le due grandi novità del 2010: la Live Search e la ricerca tramite immagini!!

    … e poi, buone ragioni a parte, di Google ne ho una bella immagine mentale. Come si fa a non ammirare un azienda che per tagliare il prato davanti alla sede, affitta delle capre per due settimane invece di assumere qualcuno con rumorosi taglia erba? :-)

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


Gjidea vive a Torino ed è colei che si occupa della grafica e del codice di BananAffair. Dopo essere stata CEO di You Too Videogames si è specializzata in Web Communication. Ha vissuto qualche tempo a Parigi (esperienza super entusiasmante) e ora ha aperto a Torino insieme a FattoreWow un'azienda che si occupa di comunicazione digitale. E' vegetariana, adora i gatti, molto combattiva e adora film e libri di fantascienza, primi fra tutti Asimov e Dick.

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie