Black Out. Il mondo senza tecnologia elettronica.

Condividi, fai crescere BananAffair!

Il caos causato dall’annullamento dei voli aerei europei per pochi giorni è un chiaro esempio di quanto l’intero sistema umano moderno sia dipendente dalla tecnologia.

Alla data del 1 gennaio 2000, il tanto paventato Millenium Bug non si verificò, grazie anche all’intervento regolatore del British Standards Institution.

Un’altra minaccia però, più complessa, ci attende il 19 gennaio 2038, sempre a causa del limite massimo di tempo futuro che i calcolatori moderni sono predisposti a concepire.

In uno scenario dove i computer smettano di funzionare, sia per un virus informatico, per un bug o per una catastrofe che coinvolga la produzione di EMP (Impulsi Elettro Magnetici), cosa accadrebbe?

Jericho

La serie televisiva Jericho è ambientata nel mezzo di una catastrofe nucleare che, fra le altre cose, ha ripercussioni su tutti i dispositivi elettronici.

- Dati: Anagrafi, contabilità delle aziende, data base delle amministrazioni sanitarie, banche dati delle società di credito. Tutti dati persi o non più accessibili;

- Servizi: Niente frigoriferi nei supermercati nè Bancomat  a garantire una vita normale in attesa di aiuti. Rapido esaurimento delle scorte alimentari nelle grandi città. Soprattutto nei piccoli centri, senza direttive dai governi centrali o aiuti esterni, vi potrebbe essere una iniziale situazione di stallo ma è facile immaginare una degenerazione sul rispetto della legge, spinto anche dal senso di abbandono e dal panico;

- Trasporti: Niente più voli aerei ma nemmeno trasporti ferroviari, semafori sulle strade o metropolitane. Milioni di persone impossibilitate a muoversi con ordine;

- Comunicazioni: Ovviamente internet e le tecnologie informatiche sono quelle più a rischio. Nel caso di un virus è possibile pensare ad una disattivazione totale della rete. Gli EMP avrebbero effetti su tutti i dispositivi ma probabilmente solo su un’area circoscritta.
Il mondo nel caos più completo, senza sapere cosa succede in Francia o in America, senza sapere se lo stesso governo del tuo paese si sta mobilitando ed in che modo. Senza sapere se si è sotto attacco, errore umano o solo un black out momentaneo;

- Futuro: La ricostruzione del mondo “come lo conosciamo” potrebbe essere un processo lungo, specie se dati e informazioni sono andati perduti irrimediabilmente. Immaginate la già lenta macchina burocratica che deve rincorrere e verificare certificati di studio, schede sanitarie, dati sui processi in corso, e milioni di nuovi ricorsi per tutto il caos intercorso (rimborsi, dispute su crediti, responsabilità incidenti). Non è escluso che, in un momento di caos simile, alcune nazioni vogliano approfittare per ridisegnare confini territoriali, scatenando così una catena di azioni-reazioni militari di non poco conto.

Nel corso degli anni, film, fumetti e videogiochi hanno immaginato scenari simili più e più volte.

Su uno scenatio molto simile si basa la serie televisiva Jericho, dove a causa di un esplosione nucleare, gli abitanti di un paese restano isolati dal resto d’America. Nessuno sa se si tratta di guerra, incidente, terrorismo. Tutto ciò che sanno è che hanno visto un fungo atomico nel cielo e  non c’è più nulla che funzioni.

Forse, e lo speriamo tutti, tutto questo non avverrà mai. Ma certo, a pensarci, ci si sente davvero scoperti!

Commenti Da Facebook

Ci sono 2 commenti pubblicati direttamente su BananAffair

  1. jkr - 21 aprile 2010

    il sogno di tyler durden

  2. Furio - 21 aprile 2010

    E’ un’ipotesi che mi ha sempre incuriosito……secondo me un bel Film avrebbe un successone tipo “the day after”.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


Nato ad Helicon, regione di Arturo il 11988 E.G. / -79 E.F. Ha studiato presso l'Università di Streeling

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie