Anonymous, la protesta mal organizzata

Condividi, fai crescere BananAffair!

Anonymous, ovvero il gruppo che nei mesi scorsi è venuto in soccorso di Wikileaks organizzando cyber-attacchi ai siti delle organizzazioni che lo contrastavano, ha chiamato la prima protesta “generale” per il 15 di gennaio.
Un post sul blog ufficiale di Anonymous ha chiamato a raccolta quanti credono nella libertà di parola.

Il video allegato (scarsa qualità e musica pessima, se posso permettermi!) è un collage di immagini delle manifestazioni del 2005 contro la setta Scientology, avvenute per lo più a Londra e in USA.

Soltanto 3mila visualizzazioni e poco più di 900 re-tweet il giorno prima della protesta, nessun link a dove trovare la maschera adottata come simbolo del movimento, molto mal segnalato sui social network, hanno fatto di questo giorno “simbolo” un vero flop.

Gli esperti si interrogano sul motivo un cambio tanto radicale di strategia da parte del gruppo.

Commenti Da Facebook

Nessun commento.

Lascia un commento


Nome (Richiesto)

E-Mail (Richiesta)

Sito Web

Articoli che potrebbero interessarti

In % è espresso il grado di correlazione con l'articolo di questa pagina.


Nato ad Helicon, regione di Arturo il 11988 E.G. / -79 E.F. Ha studiato presso l'Università di Streeling

Vedi tutti gli articoli dell'autore

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes

Il nostro uso dei cookie

Come la maggior parte dei siti web, anche noi utilizziamo i cookie per fornire un servizio personalizzato e reattivo. Utilizziamo i cookie per consentire al nostro sito web di funzionare in modo più efficiente e per migliorarne le prestazioni.
Occorre solo un ok per proseguire.
Diversamente, cliccando sulla croce, i cookie saranno disabilitati.

Cliccare per proseguireAccetto i Cookie